ACOK18

Da La Barriera Wiki.
ACOK18 - SANSA
Il regno dei lupi
(Mondadori)
POVSansa Stark
AmbientazioneFortezza Rossa
Serie TV 04x01 Le due spade
ACOK02
SANSA I

ACOK17
TYRION VI
ACOK18
SANSA II
ACOK19
ARYA V

ACOK32
SANSA III

ACOK18 è il diciottesimo capitolo de A Clash of Kings e de Il regno dei lupi.

È il secondo capitolo dedicato a Sansa Stark de Il regno dei lupi e de A Clash of Kings e l'ottavo de Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco.


Sinossi

Icona Citazione.png"Un mastino sente il puzzo delle menzogne, lo sai? Guardati attorno e annusa bene: sono tutti bugiardi qui... e tutti più bravi di te a mentire."


Sansa legge ripetutamente un biglietto anonimo che ha trovato sotto il cuscino, che la invita, se desidera tornare a casa, a recarsi nel Parco degli Dei quella stessa notte. La ragazza si domanda se a inviarlo sia stato un vero cavaliere venuto in suo soccorso; teme infatti che si tratti invece di un trucco di Joffrey per mettere alla prova la sua lealtà e prende persino in considerazione l'idea di consegnare il messaggio alla regina. Decide infine di bruciarlo, per cancellarne ogni traccia. Poi, guardando fuori dalla finestra, vede Ser Preston Greenfield di guardia al Fortino di Maegor in cui si trova rinchiusa, e con il pensiero di non poter eludere la sua sorveglianza si mette a letto. Non riesce tuttavia a prendere sonno e continua a interrogarsi sull'autore del messaggio. Ad un certo punto sente alcuni rumori provocati dai soldati che si preparano ad affrontare un nuovo disordine in città e si accorge che Ser Preston ha lasciato il posto di guardia. Pur rendendosi conto dei rischi e ritenendola una follia, Sansa si veste in fretta, corre fuori dal fortino e senza farsi notare raggiunge il Parco degli Dei.

Con sua delusione, invece di un valoroso cavaliere trova ad attenderla Dontos Hollard, l'ubriacone degradato a giullare da lei stessa salvato dalla morte durante il Torneo per il compleanno di Joffrey. All'inizio lo tratta con diffidenza e disprezzo, ma poi Dontos le assicura di volerla aiutare, ispirato dal nobile gesto che lei ha compiuto nei suoi confronti. Per persuaderla, le ricorda le ballate su Florian, giullare che fu anche un grande cavaliere. Sansa è tentata di fidarsi di lui e gli chiede quindi dettagli sui suoi piani; Dontos le spiega che la parte più difficile sarà farla uscire dalla Fortezza Rossa, cosa per la quale bisognerà aspettare il momento opportuno e quindi le dice di volerla imbarcare su una nave diretta verso il Nord. Infine suggella le promesse fattele con un solenne giuramento al cospetto degli Antichi Dei, cosa che convince Sansa definitivamente, e le raccomanda di tornare al Parco degli Dei per altri incontri segreti.

Sulla via del ritorno Sansa incappa in Sandor Clegane, che le domanda dov'è stata. La ragazza dice di essersi recata al Parco degli Dei a pregare per Joffrey, menzogna a cui il Mastino non crede, deridendola per la sua ingenuità ma al tempo stesso evitando di interrogarla più a fondo. I due tornano insieme al Fortino di Maegor, ora sorvegliato da Ser Boros Blount, anch'esso sorpreso di vedere Sansa fuori dalle sue stanze. Quando la guardia gli si rivolge chiamandolo "Ser", Sandor gli ricorda in modo rude di non essere un cavaliere, quindi aiuta la ragazza a trovare una scusa convincente. Superato Ser Boros e rimasti di nuovo soli, il Mastino racconta a Sansa la storia della propria casata e del relativo emblema, concludendo che i cani sono migliori dei cavalieri perché solo loro sono veramente fedeli, sinceri e disposti a morire per il loro padrone. Poi, con il suo solito atteggiamento rabbioso, esprime il desiderio di sentirla un giorno cantare una canzone per lui.

Prime apparizioni

In questo capitolo non appare nessun nuovo personaggio.


Paginazione


Per approfondire la paginazione di A Clash of Kings, vedi la voce dedicata