ACOK33

Da La Barriera Wiki.
ACOK33 - CATELYN
La regina dei fraghi
(Mondadori)
POVCatelyn Tully
AmbientazioneTerre della Tempesta
Serie TV02x05 - Il fantasma della fortezza
ACOK31
CATELYN III

ACOK32
SANSA III
ACOK33
CATELYN IV
ACOK34
JON IV

ACOK39
CATELYN V

ACOK33 è il trentatreesimo capitolo de A Clash of Kings ed il secondo de La regina dei draghi.

È il primo capitolo dedicato a Catelyn Tully de La regina dei draghi, il quarto de A Clash of Kings' e il quindicesimo de Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco.


Sinossi

Icona Citazione.png"Quell'ombra..." Era accaduto qualcosa di oscuro e malefico là dentro. Catelyn lo sapeva. Ma sapeva anche di non essere in grado di capire che cosa. "Non era l'ombra di Renly, non lo è mai stata. La morte è entrata con il vento a estinguere la sua vita con la stessa rapidità con cui il vento ha estinto le candele."


Scortata da Ser Wendel Manderly e Ser Robar Royce, Catelyn si ferma, come stabilito, nel villaggio abbandonato ed entra da sola nel tempio per pregare. Si rivolge in particolare alla Madre, chiedendole di proteggere tutti i combattenti e di vegliare sui suoi figli. Ripensando poi al rapporto tra Robert e Cersei, intuisce che ci deve essere qualcosa di vero nelle accuse sull'illegittimità dei loro figli, e che Jon Arryn e Ned devono essere morti per averlo scoperto. Si domanda inoltre cosa avrebbe fatto lei stessa a posto di Cersei per proteggere i propri bambini. Viene interrotta dall'ingresso di Ser Robar, che la invita a ripartire, ricordandole che devono essere di ritorno prima dell'alba.

Tornata all'accampamento di Renly, Catelyn si reca subito al padiglione del re, che trova intento a indossare l'armatura con l'aiuto di Brienne Tarth, mentre discute di strategia con Randyll Tarly e Mathis Rowan. Questi ultimi lo sollecitano ad attaccare subito anziché aspettare l'alba, come concordato con Stannis, ma Renly, considerando tale condotta disonorevole e sicuro del fatto suo, rifiuta la proposta, invitandoli piuttosto ad assicurarsi che non venga fatto scempio del cadavere di Stannis quando questi cadrà, e a risparmiare Ser Barristan Selmy, qualora si trovasse al suo servizio.

Dopo l'uscita dei due uomini dalla tenda, Renly accetta di parlare con Catelyn. La donna si dice convinta che Stannis dica il vero riguardo all'incesto, e che anche l'attentato a suo figlio Bran sia legato ad esso; chiede pertanto il permesso di andare a parlare con il re rivale, invitando lui e tutti gli altri pretendenti a rinunciare alla corona per poi convocare un Gran Concilio che deponga Joffrey e decida il successore. Renly tuttavia non le dà retta, affermando che ormai non c'è più tempo per la diplomazia.

D'un tratto un colpo di vento apre la porta della tenda, e Catelyn intravede un'ombra muoversi; inizialmente pensa si tratti dell'ombra di Renly stesso, ma poi la vede sollevare la spada e colpire la gorgiera di Renly, che si accascia e muore tra le braccia di Brienne.

Le urla disperate della giovane attirano altri cavalieri della Guardia Arcobaleno, Ser Emmon Cuy e Ser Robar Royce, che vedendo Brienne tenere tra le braccia il re la scambiano per il suo assassino. Il primo si avventa quindi su di lei con la spada sguainata. Mentre la donna si difende dall'attacco, Catelyn cerca di convincere Ser Robar Royce della sua innocenza, accusando Stannis, e l'uomo si affretta a trattenere gli attaccanti, invitando Lady Stark a portare in salvo Brienne.

Mentre fuggono attraverso l'accampamento, piombato nel caos alla diffusione della notizia, Catelyn confida alla guerriera i suoi sospetti circa la colpevolezza di Stannis, dicendo che l'ombra aveva le sue sembianze, e Brienne giura di vendicarlo. Una volta raggiunti gli uomini della sua scorta, Catelyn invita Brienne a fuggire con loro dall'accampamento, ricordandole che, se resteranno lì, entrambe saranno accusate dell'omicidio. Allontanandosi, nel lanciare un ultimo sguardo all'immenso esercito di Renly, la donna intuisce che tutta quella forza militare è destinata a passare a Stannis.

Prime apparizioni

Emmon Cuy - Parmen Crane

Paginazione


Per approfondire la paginazione di A Clash of Kings, vedi la voce dedicata