ACOK35

Da La Barriera Wiki.
ACOK35 - BRAN
La regina dei draghi
(Mondadori)
POVBrandon Stark
AmbientazioneGrande Inverno
Serie TV02x05 - Il fantasma della fortezza
03x02 - Ali oscure, oscure parole
ACOK28
BRAN IV

ACOK34
JON IV
ACOK35
BRAN V
ACOK36
TYRION VIII

ACOK46
BRAN VI

ACOK35 è il trentacinquesimo capitolo de A Clash of Kings ed il quarto de La regina dei draghi.

È il quinto capitolo dedicato a Brandon Stark de A Clash of Kings, il primo de La regina dei draghi ed il dodicesimo de Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco.


Sinossi

Icona Citazione.png"Un cavaliere è quello che vuoi essere, ma un metamorfo è quello che sei. Non puoi cambiare questa verità, Bran. Non puoi negarla, non puoi farla andare via."


Mentre si trova nella forgia di Mikken Bran viene convocato nella torretta di Maestro Luwin per via dell'arrivo di un messaggio da parte di Robb. Impaziente di avere notizie del fratello, il bambino si fa portare a destinazione dallo stesso messaggero, Alebelly.

Luwin rivela il contenuto del messaggio: la notizia della vittoria nella Battaglia di Oxcross contro l'esercito di Ser Stafford Lannister, seguita dalla conquista di diversi castelli nell'Occidente. Bran e il maestro devono però convenire con Grande Walder quando questi osserva che l'unico nemico veramente importante è Lord Tywin Lannister. Nonostante la buona notizia Bran ricorda con preoccupazione le parole di Osha, che ha sempre invitato gli Stark a non sottovalutare le minacce provenienti da oltre la Barriera. Luwin informa inoltre Grande e Piccolo Walder della morte in battaglia del loro zio Stevron Frey. Con perplessità degli altri presenti, invece di mostrarsi addolorati i due cominciano a parlare di chi prenderà il posto del morto nella linea ereditaria delle Torri Gemelle; Bran capisce allora che la visione[1] avuta da Jojen riguardo alle portate era da intendersi in senso figurato e si riferiva proprio a questa notizia.

Dopo essere stato riportato da Osha nella sua stanza, Bran riceve una visita di Jojen e Meera Reed. Il ragazzo gli racconta di una sua nuova visione in cui il mare dilaga all'interno di Grande Inverno, con molti dei suoi abitanti che vi galleggiano morti. Bran vuole avvertire i diretti interessati, nonostante i due Reed gli dicano che non verrà creduto. Quando Jojen gli chiede di parlare a sua volta dei suoi sogni, il bambino racconta di ritrovarsi talvolta nel corpo di Estate e di vedere altre volte il corvo con tre occhi e l'albero del cuore. Conclude dicendo che i sogni che lo spaventano di più sono quelli in cui cade. Meera e Jojen gli spiegano la sua natura di metamorfo, aggiungendo che i sogni sono il modo in cui il suo terzo occhio si manifesta.

Bran espone i dubbi di Maestro Luwin in merito e, nei giorni seguenti, cerca invano di aprire il terzo occhio e di avvertire gli abitanti del castello in merito alla visione di Jojen.

Diversi giorni dopo Ser Rodrik torna a Grande Inverno con i suoi uomini portando un prigioniero, il maleodorante Reek, servo e complice dei crimini di Ramsay Snow. Il bastardo dei Bolton ha infatti costretto Lady Hornwood a sposarlo a designarlo suo erede, per poi farla morire di stenti in una torre. Bran parla a Ser Rodrik delle visioni di Jojen, ma anche l'anziano cavaliere si mostra scettico. Maestro Luwin mette in relazione la visione sul mare con le razzie degli predoni in corso lungo la Costa Pietrosa, e Ser Rodrik ipotizza di lasciare di nuovo il castello per respingerli.

Quella sera Meera e Jojen raggiungono Bran nella sua stanza e le visioni sono ancora l'argomento dominante della conversazione: Meera si arrabbia di fronte alla convinzione del fratello che non si possa fare nulla per evitare che le cose predette accadono. Bran comprende che i due gli nascondono qualcosa e Jojen gli confessa che ha visto lui e Rickon morti ai piedi di Reek.

Prime apparizioni

Ramsay Bolton

Paginazione


Per approfondire la paginazione di A Clash of Kings, vedi la voce dedicata

Note

  1. ACOK28