AGOT - Uscita 2

Da La Barriera Wiki.
A GAME OF THRONES - USCITA 2
Copertina dell'uscita 02 di A Game of Thrones
Informazioni editoriali
ISBN978-88-6546-149-5
Uscita (EN)novembre 2011
Editore (EN)Dynamite Entertainement
Uscita(IT)aprile 2012
Editore (IT)Italycomics
AutoreDaniel Abraham
DisegnatoreTommy Patterson
TraduttorePaolo Accolti Gil
Dettagli
Pagine32
Capitoli di riferimentoAGOT04 - AGOT05 - AGOT06
Precedente
AGOT - Uscita 1
Successivo
AGOT - Uscita 3

A Game of Thrones - N° 2 è la seconda uscita dell'edizione a fumetti di A Game of Thrones.


Sinossi

Continente Occidentale, Grande Inverno

La famiglia reale, in un tripudio di stemmi della Nobile Casa Baratheon, fa il suo ingresso a Grande Inverno con al seguito un'imponente scorta.

Eddard Stark stenta a riconoscere il re e suo vecchio amico, Robert Baratheon; il sovrano è più grasso di una cinquantina di chili dal loro ultimo incontro, con un doppio mento cascante celato a stento da un'ispida barba nera.

Non appena compiute le formalità di benvenuto, Robert insiste immediatamente per visitare le cripte di Grande Inverno per portare i suoi omaggi a Lyanna Stark, la sua defunta promessa sposa, ignorando le proteste della moglie Cersei. Dinanzi alla tomba della giovane Robert ed Eddard rievocano i ricordi della Battaglia del Tridente, in cui Robert aveva ucciso il principe Rhaegar Targaryen, rapitore di Lyanna. Ned, che aveva trovato la sorella morente a Torre della Gioia, ripensa agli ultimi attimi della sua vita e alla promessa che le aveva fatto.

Successivamente il re ed il Lord di Grande Inverno discutono della morte di Jon Arryn, e Robert racconta del rapido decorso della malattia che ha ucciso l'anziano Primo Cavaliere. Il sovrano racconta inoltre di come Lysa Tully, moglie di Jon, si fosse opposta al volere reale di dare il proprio figlio Robert come protetto di Lord Tywin Lannister, arrivando persino a lasciare la capitale nottetempo e di nascosto per ritornare alla propria fortezza di Nido dell'Aquila.

Per lo stupore e la contrarietà di Eddard, Re Robert afferma poi di non aver concesso a Robert Arryn il titolo di Protettore dell'Est, che generalmente è associato alla carica di Lord di Nido dell'Aquila, sostenendo che è un ruolo troppo delicato per un bambino di sei anni. Infine gli svela il reale motivo che lo ha condotto nel Nord e offre a Eddard Stark la carica di Primo Cavaliere per sostituire Jon Arryn, invitandolo a seguirlo ad Approdo del Re e a governare il reame insieme a lui. Per suggellare l'alleanza tra le Nobili Case Baratheon e Stark, propone un fidanzamento tra il proprio figlio ed erede Joffrey e la figlia di Eddard, Sansa.

Ned, per quanto colpito dalle proposte del re, non è particolarmente allettato dall'idea di divenire Primo Cavaliere e recarsi a sud, e chiede quindi tempo per riflettere sulla proposta.

Continente Occidentale, Grande Inverno

Jon Snow partecipa al banchetto indetto in onore dell'arrivo della famiglia reale a Grande Inverno, tenuto nella Grande Sala del castello allestita per l'occasione. È stato costretto a sedersi ai banchi in fondo alla sala, poiché Lady Catelyn non ha voluto un bastardo accanto alla famiglia reale. Jon non è troppo dispiaciuto: in questo modo può bere a volontà senza essere controllato e tenere con sé Spettro. Getta quindi al metalupo un pollo al miele, che questo divora con gusto e difende dagli assalti di una cagna grossa il triplo di lui.

Lo zio Benjen Stark si siede accanto a lui e insieme commentano il cattivo umore di Eddard Stark e della regina Cersei Lannister. Benjen si complimenta con Jon per la sua capacità di osservazione e suggerisce che un uomo come lui sarebbe utile nei Guardiani della Notte. Jon, colpito, chiede con insistenza di entrare a farne parte, ma Benjen ritiene che sia troppo presto per una simile scelta, visto che far parte della confraternita implica rinunciare per sempre alla famiglia e alle donne. Propone a Jon di ripensare alla sua richiesta dopo aver messo a sua volta al mondo dei figli bastardi, ma la frase provoca l'ira del ragazzo spingendolo a uscire dalla sala, barcollante per il troppo vino.

All'esterno, Jon incontra Tyrion Lannister appollaiato su una balaustra; vedendo il giovane, il [[Tyrion Lannister (Folletto)|Folletto) scende a terra con un salto mortale. Si mostra poi incuriosito da Spettro e Jon gli permette di accarezzare il metalupo, ma poi il ragazzo si offende nel sentirsi chiamato bastardo. Tyrion allora gli offre una lezione di vita: accettare quello che si è perché il mondo non lo dimenticherà, trasformare la propria identità in un'armatura per non permettere ad altri di usarla contro di sé. Spinto dalla reticenza di Jon, che non si sente dell'umore adatto per accettare lezioni, gli rivela il proprio burrascoso rapporto col padre Tywin; infine rientra alla festa, lasciando il ragazzo nella corte del castello a riflettere sulle sue parole.

Continente Occidentale, Grande Inverno

Negli appartamenti di Catelyn, lei ed Eddard hanno appena finito di fare l'amore. Ned si alza per aprire le finestre della stanza, e i due iniziano a discutere dell'offerta di Re Robert Baratheon. Il Lord di Grande Inverno vorrebbe rifiutare, sostenendo che i propri doveri risiedono nel Nord, mentre Cat, mettendo in risalto gli onori che gli toccherebbero e palesandogli le difficoltà e i sospetti cui andrebbe incontro rifiutando l'offerta del re, cerca di spingere il marito ad accettare.

Malgrado Lord Eddard avesse richiesto di non essere disturbato, Maestro Luwin interrompe la discussione chiedendo udienza per una questione della massima importanza: nelle sue stanze è stato lasciato un cofanetto; ad una prima occhiata sembrava contenere solo contenente delle lenti, ma in realtà era dotato di un doppio fondo al cui interno si trovava un messaggio per Catelyn.

La Lady di Grande Inverno riconosce nella sorella Lysa la mittente del messaggio e lo apre temendo il peggio. Il testo, per proteggerlo da occhi indiscreti, è cifrato nel linguaggio segreto che Catelyn e la sorella avevano inventato da piccole: Lysa accusa i Lannister di aver organizzato la morte di Jon Arryn. La notizia spinge Eddard, seppure a malincuore, ad acettare la carica di Primo Cavaliere di Robert, allo scopo di fare chiarezza sul reale ruolo dei Lannister nella morte di Jon e proteggere al tempo stesso Lysa e suo figlio.

Presa la decisione, Eddard si dedica all'organizzazione di Grande Inverno durante la sua permanenza nella capitale: decide che Cat dovrà restare al castello e governare il Nord in sua vece; con lei rimarranno i figli Rickon, troppo piccolo per viaggiare, e Robb, erede di Grande Inverno, mentre gli altri figli, Sansa, Arya e Bran, lo seguiranno ad Approdo del Re.

La conversazione verte infine sul destino di Jon Snow: Eddard sa di non poter portare a corte un figlio bastardo, ma Catelyn, che non ha mai sopportato il dover avere sotto gli occhi ogni giorno il frutto del tradimento di suo marito, si rifiuta di tenerlo a Grande Inverno. Luwin informa tuttavia i suoi signori che il giovane ha chiesto a Benjen Stark di poter entrare nei Guardiani della Notte, e Ned decide di occuparsi personalmente del compito di comunicarlo al ragazzo.

Prime apparizioni

Benjen Stark - Boros Blount - Cersei Lannister - Jaime LannisterLuwin - Meryn Trant -  Robert Baratheon - Sandor Clegane - Tyrion Lannister