AGOT - Uscita 3

Da La Barriera Wiki.
A GAME OF THRONES - USCITA 3
Copertina dell'uscita 03 di A Game of Thrones
Informazioni editoriali
ISBN978-88-6546-150-1
Uscita (EN)dicembre 2011
Editore (EN)Dynamite Entertainement
Uscita(IT)giugno 2012
Editore (IT)Italycomics
AutoreDaniel Abraham
DisegnatoreTommy Patterson
TraduttorePaolo Accolti Gil
Dettagli
Pagine32
Capitoli di riferimentoAGOT07 - AGOT08 - AGOT09 - AGOT11
Precedente
AGOT - Uscita 2
Successivo
AGOT - Uscita 4

A Game of Thrones - N° 3 è la terza uscita dell'edizione a fumetti di A Game of Thrones.


Sinossi

Continente Occidentale, Grande Inverno

Arya Stark sta ricamando in compagnia della sorella Sansa, circondata dalle amiche Jeyne Poole e Beth Cassel, e della principessa Myrcella Baratheon, sotto la supervisione di Septa Mordane. Arya vede che i suoi punti sono storti come al solito, mentre il ricamo di Sansa è splendido; ricorda come Septa Mordane abbia elogiato le doti di Sansa e criticato le sue. Al momento però le attenzioni della septa sono tutte rivolte a compiacere la principessa Myrcella. Sansa sta chiacchierando a bassa voce con Jeyne Poole e Beth Cassel, e Arya vuole conoscere l'argomento della conversazione: si parla dell'interesse di Joffrey nei confronti della sorella e del loro futuro matrimonio. Sansa trova Joffrey molto galante e Arya le riferisce l'osservazione di Jon secondo cui il principe sembra una femmina. Secondo Sansa invece Jon è geloso perché è un bastardo e nel difendere il fratello Arya alza la voce attirando l'attenzione di Septa Mordane, che si avvicina e la rimprovera per il ricamo malriuscito. Imbarazzata, Arya si alza e scappa, disobbedendo alla Septa che le ordina invano di tornare al suo posto.

Allontanandosi dalla stanza, Arya ripensa a quanto è ingiusto che tutte le capacità che si richiedono a una fanciulla nobile siano toccate a Sansa; perfino l'aspetto di Arya non è avvenente quanto quello della sorella. Trova la metalupa Nymeria ad aspettarla e decide di andare a vedere i suoi fratelli che si addestrano con la spada.

Jon Snow è già intento a osservare l'allenamento dal ponte che si affaccia sul cortile e Arya gli chiede come mai lui non è laggiù con loro, scoprendo che a un bastardo non è permesso colpire un principe.

Nel cortile degli addestramenti Bran batte Tommen e Rodrik propone ai rispettivi fratelli maggiori di scontrarsi di nuovo, ma Joffrey sostiene che duellare con spade di legno sia da bambini. Robb lo accusa di aver paura e Joffrey lo deride a sua volta, chiedendo poi di usare delle spade d'acciaio. Rodrik ritiene che i due ragazzi siano troppo giovani e propone invece delle spade spuntate da torneo. Sandor interviene a sostegno del principe, rivolgendosi in modo ostile a Rodrik. Robb è furioso per l'affronto subito, e viene trattenuto a stento da Theon dall'aggredire Joffrey. Tutti, infine, abbandonano il cortile.

Jon consiglia ad Arya di rientrare nella sua stanza, perché aspettare non farà che peggiorare la punizione per la fuga. Arya è seccata, ritiene la sua situazione ingiusta, ma torna in camera e vi trova Septa Mordane ad attenderla insieme alla madre Catelyn.

Continente Occidentale, Grande Inverno

Giunto l'ultimo giorno di permanenza a Grande Inverno prima della partenza per Approdo del Re, Bran non riesce ad affrontare gli addii alla gente che resterà al castello, ma viene colto dalla malinconia e si rifugia nel Parco degli Dei con il suo metalupo. Dopo un po' di tempo decide di arrampicarsi fino alla torre spezzata per andare a trovare un'ultima volta i corvi che nidificano lassù.

Arrampicandosi su un albero-sentinella che cresce vicino al muro del Parco degli Dei, Bran raggiunge il tetto dell'armeria, da lì passa di tetto in tetto fino alla base della torre spezzata. All'improvviso sente delle voci provenire dall'interno di una stanza sotto di lui: un uomo e una donna stanno discutendo del pericolo che Eddard Stark potrebbe rappresentare per loro una volta diventato Primo Cavaliere, dal momento che è sempre stato leale a Robert.

Avvicinandosi per sentire meglio, Bran vede due figure nude, abbracciate, che riconosce come la Regina Cersei e suo fratello Jaime. Nel vedere Bran fare capolino dalla finestra, Cersei lancia un grido che spaventa il ragazzo e gli fa perdere l'equilibrio, lasciandolo appeso al cornicione con una sola mano. D'istinto Jaime afferra Bran issandolo sul davanzale, ma dopo aver visto il disappunto della sorella per il salvataggio del bambino che ha appena scoperto il loro segreto, lo spinge fuori dalla finestra dando con ironia sprezzante la colpa del suo gesto all'amore. Bran precipita nel vuoto urlando.

Continente Occidentale, Grande Inverno

Tyrion è immerso nella lettura nella biblioteca di Grande Inverno quando sente in lontananza gli ululati di un metalupo e realizza che ormai è l'alba e che ha trascorso l'intera notte sui libri.

Sceso dalla torre della biblioteca incontra Sandor Clegane e Joffrey Baratheon, e la conversazione verte inevitabilmente su Bran: il Mastino vorrebbe che il ragazzo ci mettesse meno tempo a morire, il secondo si lamenta dell'ululato del suo metalupo. Tyrion rimprovera Joffrey per non aver ancora mostrato la propria solidarietà nei confronti degli Stark, come ci si aspetterebbe da un principe, facendogli notare che il suo comportamento non è passato inosservato. All'obiezione di Joffrey che Bran non significa niente per lui, Tyrion lo schiaffeggia e il principe se ne va quasi in lacrime, dopo aver minacciato lo zio di riferire l'accaduto alla regina.

Nella sala del banchetto, Tyrion incontra la Regina Cersei con gli altri due figli ed il fratello Jaime. Discutono delle condizioni di Bran e della notizia che il ragazzo potrebbe sopravvivere nonostante tutto. Tommen e Myrcella sono visibilmente sollevati, mentre Jaime e Cersei si scambiano uno sguardo preoccupato che non sfugge a Tyrion. Entrambi i gemelli convengono che sarebbe molto più pietosa una morte rapida per il ragazzo, considerando che se dovesse sopravvivere rimarrà comunque paralizzato.

Tyrion annuncia il suo desiderio di recarsi a nord con i Guardiani della Notte per visitare la Barriera; usa un'espressione volgare che provoca l'irritazione di Cersei, la quale se ne va portandosi dietro i due figli. Rimasto solo col fratello Jaime, Tyrion osserva che sarebbe interessante vedere cosa avrebbe da dire Bran al suo risveglio, al che Jaime si domanda da che parte stia veramente.

Tyrion gli risponde sarcasticamente che dovrebbe sapere quanto ama la sua famiglia.

Continente Orientale, Pentos

Giunto il giorno del matrimonio Daenerys si sente sola e spaventata. È costretta a stare tutta la giornata seduta accanto a Drogo in cima a una collina, troppo lontana da tutti per poter parlare, mentre il suo sposo la ignora totalmente.

Al calar del sole inizia la consegna dei regali alla sposa. Dany riceve tre ancelle, Irri, Jhiqui e Doreah, dal fratello, mentre dall'esiliato Jorah Mormont una semplice ma apprezzata raccolta di libri sulla storia e le usanze dei Sette Regni. Arrivato il turno del ricco mercante Illyrio, le viene donato un grosso baule pieno di stoffe, vestiti e sete preziose, e tre meravigliose uova di drago, così antiche da essersi fossilizzate nei millenni: una è color dell'avorio con riflessi dorati, un'altra verde con ombreggiature ramate e l'ultima è nera con riverberi rossi. Dany rimane senza fiato davanti al loro splendore.

I cavalieri di sangue di khal Drogo Haggo, Cohollo e Qotho le offrono le armi tradizionali dothraki ma Daenerys, precedentemente istruita da Illyrio sulle usanze di quel popolo, rifiuta i doni affermando che come donna non potrebbe usarli e li offre al marito. Subito dopo tutta la popolazione del khalasar le porta svariati altri doni: capi di abbigliamento, profumi, sandali, ferma capelli e più oggetti di quanti Daenerys potrà mai usare.

Per ultimo è Drogo a porgerle il proprio regalo: una splendida puledra grigia con la criniera argentata con cui Dany deve cavalcare in mezzo al khalasar. Superato lo spavento iniziale, la ragazza prende confidenza con l'animale e per la prima volta in vita sua non si sente più spaventata. Quando però giunge il momento della cavalcata solitaria con Drogo per consumare la prima notte di nozze, Daenerys torna ad avere paura e scoppia in lacrime davanti al marito. Lui si dimostra inaspettatamente delicato nei suoi confronti e abile nel riuscire a tranquillizzarla attraverso carezze e lunghi sguardi, fino a portarla a iniziare lei stessa il rapporto.

Prime apparizioni

Arya Stark - Beth Cassel -  Doreah - Irri - Jeyne Poole - Jhiqui - Joffrey Baratheon -  Mordane - Myrcella Baratheon - Nymeria - Rodrik Cassel - Sansa Stark - Tommen Baratheon