AGOT - Uscita 9

Da La Barriera Wiki.
A GAME OF THRONES - USCITA 9
Copertina dell'uscita 09 di A Game of Thrones
Informazioni editoriali
ISBN978-88-6546-165-5
Uscita (EN)luglio 2012
Editore (EN)Dynamite Entertainement
Uscita(IT)novembre 2012
Editore (IT)Italycomics
AutoreDaniel Abraham
DisegnatoreTommy Patterson
TraduttorePaolo Accolti Gil
Dettagli
Pagine32
Capitoli di riferimentoAGOT28 - AGOT29 - AGOT30
Precedente
AGOT - Uscita 8
Successivo
AGOT - Uscita 10

A Game of Thrones - N° 9 è la nona uscita dell'edizione a fumetti di A Game of Thrones.


Sinossi

Continente Occidentale, Strada del Re

Percorrendo la Strada del Re, Catelyn viaggia insieme a Rodrik Cassel sotto una pioggia tiepida così diversa da quella del Nord, loro meta. Ad un certo punto viene loro incontro un gruppo di armigeri guidati da Jason Mallister, il quale però non riconosce la lady di Grande Inverno. Vista la facilità con cui riesce a tenere nascosta la propria identità, Catelyn decide che possono fermarsi per la notte alla locanda gestita da Masha Heddle.

Dopo aver indossato abiti asciutti, Catelyn e Rodrik scendono a cenare nella sala comune, dove sono presenti diversi armigeri di casate che hanno giurato fedeltà a Delta delle Acque. Si siedono vicino a un cantastorie di nome Marillion, che inizia a vantarsi della sua bravura e a millantare rapporti di amicizia proprio con i Tully.

La porta della locanda si apre e fa il suo ingresso Tyrion Lannister, accompagnato da due servi e da Yoren. Il Folletto ha bisogno di una stanza in cui dormire e, dopo aver scoperto che sono tutte occupate, convince un mercenario a cedergli la sua in cambio di una moneta d'oro. Marillion non perde l'occasione di proporre anche a Tyrion una canzone, attirando così il suo sguardo su Catelyn. Ormai smascherata dal Folletto, la donna sa di dover prendere una decisione in fretta. Richiama l'attenzione degli armigeri Frey, Whent e Bracken, accertandosi della loro fedeltà ai Tully; accusa pubblicamente Tyrion dell'attentato a suo figlio Bran e ordina loro di arrestarlo.

Continente Occidentale, Approdo del Re

Sansa Stark, in compagnia di Septa Mordane e Jeyne Poole, assiste al Torneo del Primo Cavaliere: un evento grandioso che ha richiamato migliaia di persone da tutto il reame e ha lasciato Sansa senza fiato, apparendole addirittura meglio di quelli che vengono narrati nelle canzoni.

Il torneo ha inizio: tra colpi, cadute e disarcionamenti Sansa assiste per la prima volta alla morte di un uomo. Pur comportandosi come una vera lady, a differenza di Jeyne Poole che si dispera a tal punto da essere allontanta, si rattrista di non riuscire a versare nemmeno una lacrima per un uomo che nessuno ricorderà. Il torneo però riprende e dopo vari scontri scende in campo il più giovane dei cavalieri in gioco: Ser Loras Tyrell. Dopo una delle sue vittorie, il sedicenne cavaliere omaggia per la sua bellezza un'emozionata Sansa, donandole una rosa rossa. Subito dopo la ragazza fa la conoscenza di Petyr Baelish, amico d'infanzia di sua madre.

Calata la sera, Re Robert rimanda gli ultimi duelli alla mattina seguente e sposta la corte in riva al fiume per il banchetto. Sansa, con la sua septa, siede alla sinistra di Joffrey sulla piattaforma reale; i due non si parlano dall'incidente del Tridente e la ragazza teme che il principe abbia deciso di ignorarla. Joffrey invece la ricopre di premure e complimenti e serve per lei le porzioni migliori della cena. La conversazione verte su chi sarà il vincitore del torneo fino a quando il re, ubriaco, scatta in piedi urlando contro la regina che l'indomani parteciperà alla Grande Mischia. Infine Lord Renly conduce il fratello lontano dal banchetto. Anche Joffrey decide di andare e offre a Sansa il Mastino come scorta per rientrare al castello.

Sansa terrorizzata lo segue cercando di evitare il suo volto sfigurato. Irritato dal sentirsi chiamare ser, Sandor si arrabbia precisando con risentimento che lui non è un cavaliere e che anzi li disprezza. Definisce Sansa un uccelletto ammaestrato e, obbligandola a guardare il suo volto ustionato, le racconta di come il fratello Gregor, ordinato cavaliere, gli spinse il volto contro un braciere acceso quando era piccolo, come punizione per avergli preso un giocattolo. Con gli occhi pieni di lacrime, Sansa comincia a provare tristezza e pietà per il Mastino. Quando i due raggiungono la Torre del Primo Cavaliere, prima di lasciarla Sandor le raccomanda di non raccontare a nessuno la sua storia, minacciandola di ucciderla se lo farà.

Continente Occidentale, Approdo del Re

Eddard osserva insieme a Barristan Selmy il cadavere di ser Hugh, già preparato per la tomba dalle Sorelle del Silenzio. Il giovane è morto prematuramente nel torneo per mano di Gregor Clegane, quindi Eddard non può fare a meno di domandarsi se è stato un caso oppure se i Lannister abbiano voluto sbarazzarsene prima che lui avesse il tempo di interrogarlo.

Mentre si reca presso il padiglione di Re Robert, è ancora preoccupato per l'intenzione di quest'ultimo di partecipare ai giochi. Lo trova in compagnia di Tyrek e Lancel Lannister, scudieri scelti da Cersei, in quel momento intenti a infilare l'armatura addosso a Robert. Eddard gli fa notare che gli sforzi sono inutili, visto che è diventato troppo grasso per indossarla, e questo provoca la risata del re. In seguito, nel tentativo di dissuadere l'amico dal battersi nella Grande Mischia, gli spiega che tutti lo lascerebbero vincere per paura di colpire il loro sovrano, e in questo modo riesce nel suo intento. Robert inizia a lamentarsi della freddezza di sua moglie, del carattere di suo figlio e in generale della sua posizione di sovrano, del tutto inadatta alla sua indole.

Ha inizio l'ultima fase del torneo, a cui Eddard assiste insieme a Sansa. Jaime Lannister si scontra in semifinale con Sandor Clegane e viene disarcionato. Poi è il turno di Loras Tyrell, che deve affrontare il gigantesco Gregor Clegane. Proprio quest'ultimo finisce per trovarsi in difficoltà: il suo stallone, insolitamente agitato, si rivela incontrollabile e ne provoca la sconfitta. Infuriato, il brutale guerriero sfodera la spada e si getta su Loras, il quale non riesce a ricevere in tempo una spada per difendersi. Quando Gregor sta per sferrare il colpo viene però ostacolato da Sandor. Inizia così un duello tra i fratelli Clegane, fermato ben presto dalla voce possente di Robert. Dopo l'allontanamento di Gregor, Loras ringrazia il Mastino per averlo salvato e gli concede la vittoria al torneo, insieme alla borsa piena d'oro che ne deriva. Sandor accetta il premio, ma precisa di non voler essere chiamato "ser". Nel commentare l'intera vicenda, Ditocorto avanza l'ipotesi che Loras abbia scelto una cavalla in calore proprio per provocare lo stallone dell'avversario. I giochi si concludono con altri due vincitori: nel tiro con l'arco il premio va ad Anguy, uno sconosciuto popolano; la Grande Mischia ha come campione Thoros di Myr, un prete rosso dotato di una spada fiammeggiante.

Quando giunge la notte, Ned mette a letto le figlie e si reca nei suoi alloggi, dove si ferma a riflettere sulle sue indagini e in particolare sui vari figli bastardi di Robert. All'improvviso, gli viene annunciata la visita di uno strano individuo: si tratta di Varys, travestito in maniera irriconoscibile e addirittura con una voce diversa dal solito. L'eunuco lo mette in guardia, dicendogli che i Lannister sono intenzionati a uccidere Robert e che il primo tentativo sarebbe stato fatto nella Grande Mischia, se il re vi avesse partecipato. Gli fa anche notare che Eddard è l'unico vero amico che Robert possiede e che proprio questo lo rende temibile. Infine, Varys rivela a Lord Stark che Jon Arryn è stato avvelenato con le Lacrime di Lys e insinua che sia stato ser Hugh l'esecutore materiale, perché evidentemente il vecchio Primo Cavaliere aveva fatto qualche domanda di troppo.

Prime apparizioni

Beric Dondarrion - Gregor Clegane - Hugh - Jason Mallister - Jyck - Lancel Lannister - Loras Tyrell - Marillion - Masha Heddle - Morrec - Patrek Mallister - Thoros - Tyrek Lannister - Willis Wode