Balerion (Terrore Nero)

Da La Barriera Wiki.
Balerion
R Vuoto.png
Dati personali
SoprannomiTerrore Nero
Per articoli che condividono lo stesso titolo, fare riferimento a questa pagina di disambiguazioneIcona Disambigua.png


Balerion è il drago cavalcato da Aegon Targaryen durante la Conquista.[1] Il suo nome è mutuato da quello di un dio adorato a Valyria.[2]


Descrizione fisica

Balerion ha scaglie di colore nero, e si dice che il fuoco che è in grado di emettere sia del medesimo colore.[2]

È il drago più grande tra quelli posseduti dai Targaryen, con denti lunghi come spade e mandibole in grado di inghiottire un mammuth.[1] Secondo alcune storie è talmente grande che le sue ali sono in grado di oscurare intere città al suo passaggio.[2]

Resoconto biografico

Partecipa alla Battaglia del Campo di Fuoco, dove insieme a Vhagar e Meraxes brucia vivi quasi quattromila uomini, tra cui anche Re Mern Gardener. Quello scontro costituisce l'unica occasione in cui i tre draghi vengono impiegati in contemporanea.[1]

Secondo quanto raccontano le ballate, Balerion contribuisce alla forgiatura del Trono di Spade con il suo respiro infuocato.[3]

Dopo la sua morte, il suo teschio viene messo a decorare la Sala del Trono della Fortezza Rossa.[1]

Dopo la cacciata dei Targaryen e l'ascesa al trono di Robert Baratheon, il teschio viene portato nello scantinato della Fortezza Rossa.[1]

Note

  1. 1,0 1,1 1,2 1,3 1,4 AGOT13
  2. 2,0 2,1 2,2 ACOK12
  3. AGOT43