Morrec

Da La Barriera Wiki.
Morrec
R Vuoto.png
Dati personali
Morte298
Apparizioni
A Game of Thrones

Morrec è uno stalliere, cuoco e servo della Casa Lannister al servizio di Tyrion Lannister.[1]


Descrizione psicologica

È cupo e depresso durante il viaggio da prigioniero verso Nido dell'Aquila. Non sa usare la spada ma è un discreto arciere.[1]

Resoconto biografico

Arriva con la carovana di Robert Baratheon a Grande Inverno e successivamente, insieme a Jyck, scorta Tyrion Lannister alla Barriera occupandosi dei suoi pasti durante il tragitto[2] e di accendere il fuoco per lui.[3]

Durante il viaggio di ritorno vengono scortati fino a Grande Inverno da Yoren e altri tre Guardiani della Notte, offerti come scorta dal Lord Comandante Mormont. Tyrion non vuole però fermarsi al castello e decide, seguito dai suoi uomini, di pernottare in una locanda. Insieme a Yoren e ai servitori riprende il viaggio il giorno successivo.[4]

Nel viaggio verso sud si fermano alla Locanda dell'Incrocio di Masha Heddle e lì viene catturato insieme a Tyrion e a Jyck dagli alfieri di Delta delle Acque per ordine di Catelyn Tully, la quale accusa il suo padrone del tentato assassinio di suo figlio Bran. Non essendo Morrec un soldato, Tyrion non ha potuto contare su di lui nella locanda e in ogni caso da soli non avrebbero potuto aprirsi la strada con le armi perchè sarebbero andati incontro a morte certa. Per ordine di Rodrik Cassel, Bronn li disarma tutti dei loro pugnali.[1]

Catelyn decide di condurli a Nido dell'Aquila e durante una sosta sulle Montagne della Luna è seduto vicino alla riva di un torrente accanto a Jyck mentre Mohor fa loro la guardia, quando improvvisamente Lharys lancia un grido d'allarme: un gruppo di uomini appartenenti a uno dei Clan delle Montagne sta piombando su di loro. Balza rapidamente in piedi, aiuta Ser Willis Wode a indossare la placca pettorale e Catelyn ordina che anche lui, Tyrion e Jyck vengano armati perchè in quel momento c'è bisogno di tutti gli uomini disponibili. La sua arma non è la spada ma l'arco, posa quindi un ginocchio a terra a lato della strada mettendo la faretra a tracolla e le sue frecce, insieme a quelle di Lharys, sibilano nell'aria durante l'attacco. A scontro concluso riprende il viaggio in direzione di Nido dell'Aquila.[1]

Gli uomini dei Clan stanno però loro addosso giorno e notte: in seguito ad un secondo assalto viene colpito, e le ferite riportate si infettano fino a provocargli una febbre e infine a ucciderlo. Il suo corpo rimane insepolto.[5]

Note

  1. 1,0 1,1 1,2 1,3 AGOT31
  2. AGOT13
  3. AGOT42
  4. AGOT24
  5. AGOT34