Pyke (Castello)

Da La Barriera Wiki.
Pyke
R Vuoto.png
RegioneIsole di Ferro
Regno del Sale e della Roccia
Regno delle Isole e del Nord
CasataNobile Casa Greyjoy
Mappa di The Lands of Ice and Fire rielaborata by Grazia Borreggine©

Pyke è il castello della Nobile Casa Greyjoy, situato sull'omonima isola.[1]


Descrizione

Eretto su un promontorio della costa, il castello di Pyke sembra un'estensione dell’aspro paesaggio roccioso dell’isola. Il promontorio nel corso del tempo viene eroso dalle onde, fino a ridursi alla fine del terzo secolo dalla Conquista a sole tre isole, spoglie e desolate, e una dozzina di scogli che emergono dall'acqua come pilastri. Le varie torri e strutture del castello, disposte sulle tre isole e sugli scogli circostanti, sono collegate tra loro da passaggi ad arco coperti nei tratti dove gli scogli sono più vicini e da lunghi e ondeggianti camminamenti aerei fatti di assi e corda nei tratti più distanti. Il castello è costruito con la stessa pietra grigio-nera della costa ed è ugualmente chiazzato da macchie di licheni verde scuro ed escrementi di uccelli marini. Nell'insieme la struttura ha un'aria tetra e minacciosa.[2]

La cinta muraria, dotata di spalti merlati, è un semicerchio di pietra scura che si estende da una scogliera all'altra, racchiudendo il promontorio per una cinquantina d’acri fino ai piedi di un ampio ponte di pietra che conduce alla più grande delle tre isole. L’ingresso principale col corpo di guardia si trova al centro delle mura e ci sono tre torri quadrate su entrambi i lati. L’ingresso è inoltre munito di porte e di una grata di ferro. All'interno della cinta muraria si trovano le stalle, i canili ed altri fabbricati, mentre dei recinti ospitano pecore e maiali. A sud, presso la scogliera, inizia il ponte di pietra che conduce dal promontorio all'isola dove sorge la Grande Fortezza; le antiche pietre del ponte sono incrostate di salsedine e licheni. Più lontano, ognuna sulla propria isola, ci sono la Fortezza Cucina e la Fortezza Insanguinata.[2]

La Grande Fortezza

È un edificio imponente che sorge sulla più grande delle tre isole. Un alto ponte attraversa il vuoto tra il corpo di guardia dell’ingresso principale e la Grande Fortezza, mentre un passaggio di pietra coperto la collega alla Fortezza Insanguinata.[2]

All'interno della Grande Fortezza si trova la Sala Grande, una sala lunga e fumosa, illuminata da torce. Essa può contenere almeno quattrocento uomini, e in occasione di banchetti vi viene allestita una piattaforma sopraelevata per la nobiltà. Al suo interno si trova il Trono di Pietra di Mare.[3]

La Fortezza Insanguinata

La Fortezza Insanguinata, nota anche come Fortezza degli Ospiti[3], si trova sulla seconda isola in ordine di distanza dalla costa. L’edificio ha sale più ampie e ben arredate di quelle delle altre strutture del castello, anche se altrettanto fredde e umide; le sue camere sono sontuose e regali, con soffitti estremamente alti. È collegato alla Grande Fortezza tramite un passaggio di pietra coperto.[2]

La Torre del Mare

Si trova sull'isola più lontana dalla costa, nella parte corrispondente alla punta della spada cui somigliava il promontorio prima di spezzarsi. La Torre del Mare è la parte più antica del castello. Alta e cilindrica, si erge su un pilastro squadrato semidivorato dalle onde del mare e sbilenco. Secoli di salinità hanno dato una colorazione candida alla sua base, mentre i piani più alti sono verdi per i licheni che li ricoprono. La sommità della torre ha un coronamento dentellato e annerito a causa della fuliggine dei fuochi di guardia accesi la notte.[2]

Per raggiungere la Torre del Mare partendo dalla Grande Fortezza bisogna attraversare tre ponti, ognuno più stretto di quello precedente. L’ultimo ponte è fatto solo di assi di legno e funi, oscillante e scivoloso per via del vento carico di salsedine, mentre nello strapiombo sottostante si vedono delle rocce emergere dal mare. La porta d’ingresso della torre è di legno grigio con borchie di ferro. Una scala a chiocciola conduce alla stanza adibita alle udienze private del signore del castello[2]; nella stanza, umida e piena di correnti d’aria, si trova un braciere[3].

Storia

Circa settecento anni prima della Conquista viene commessa una serie di terribili omicidi nella Fortezza degli Ospiti, al punto che dopo quell'evento l'ala del castello viene ribattezzata Fortezza Insanguinata.[2]

A causa della Ribellione di Balon Greyjoy del 289 Pyke viene posto sotto assedio da un esercito agli ordini di Re Robert Baratheon. La cinta muraria viene bersagliata dalle catapulte, le quali provocano il crollo della torre sud aprendo così una breccia. In seguito, una nuova torre sud viene costruita sulle rovine di quella vecchia. Le sue pietre si distinguono dal resto delle mura per il fatto di essere di un grigio più chiaro e non ancora infestate da licheni.[2]

Eventi

Circa settecento anni prima della Conquista, i figli del Re dei Fiumi Bernarr II Justman vengono trucidati e smembrati nei loro letti all’interno della Fortezza Insanguinata; i pezzi dei loro corpi vengono poi inviati al padre sul continente.[2]

Durante la Ribellione di Balon Greyjoy del 289 sulle mura di Pyke si svolge una battaglia, in cui muore il secondogenito del sovrano, Maron Greyjoy.[4], schiacciato nel crollo della vecchia torre sud.[2]

Nel 299 Theon Greyjoy torna a Pyke dopo anni dalla ribellione, al termine della quale era stato portato via come ostaggio, e viene alloggiato nella Fortezza Insanguinata. Incontrato il padre Lord Balon nella stanza delle udienze nella Torre del Mare, gli consegna una missiva con l’offerta di alleanza di Robb Stark, che viene però bruciata dal padre con disprezzo.[2]

Dopo aver fatto radunare tutte le navi in preparazione ad un’invasione del Nord, Lord Balon offre ai suoi capitani un banchetto nella Sala Grande del castello. Al termine, chiama tutti i membri della famiglia nella sua stanza delle udienze per discutere gli ultimi dettagli del piano.[3]

Note