Eddison Tollett

Da La Barriera Wiki.
Eddison Tollett
R Vuoto.png
Dati personali
CasataNobile Casa Tollett
Organizzazioni:Guardiani della Notte
Apparizioni
A Clash of Kings
Serie TV
AttoreBen Crompton
DoppiatoreAlberto Caneva
ApparizioniSeconda stagione
St Tollett.png

Eddison Tollett della Casa Tollett, detto "Edd l'Addoloraro", è uno scudiero dei Guardiani della Notte.[1]


Descrizione fisica

È molto magro. Ha i capelli grigi ed un aspetto cupo.[2]

Descrizione psicologica

L'inossidabile pessimismo ed il tetro senso dell'umorismo gli hanno guadagnato il soprannome di "Edd l'Addolorato".[2] Ha anche l'abitudine di lamentarsi continuamente.[3] Nonostante questo, è ben voluto dai suoi confratelli.[2]

Resoconto biografico

Nasce in una famiglia appartenente ad un ramo minore della Casa Tollett, in un luogo povero e lugubre. A dispetto di questo, considera quel tempo come il migliore della sua vita.[2]. Durante quegli anni, perde suo fratello a causa dell'attacco di un orso.[4]

In seguito, viene reclutato da Yoren, che lo convince a unirsi ai Guardiani della Notte.[2]

Nel 299 prende parte alla spedizione oltre la Barriera guidata dal Lord Comandante Jeor Mormont. Insieme ai confratelli partiti con lui, attraversa alcuni villaggi abbandonati. Giunto a Whitetree, il gruppo trova l'insediamento deserto e resti umani carbonizzati disseminati ovunque.[2] A Edd viene comandato di esplorare le case, in coppia con Jon Snow. Insieme a quest'ultimo, il tetro confratello commenta con sarcasmo il desiderio espresso poco prima da Mormont di ricevere da un teschio rivelazioni sul perché i Bruti scelgano di bruciare i propri cadaveri. Mentre i due perlustrano una delle misere abitazioni del villaggio, Edd ne commenta lo squallido aspetto, esprimendo al tempo stesso il desiderio di poter dormire per una volta su un pagliericcio, come quello presente in quella piccola e spoglia dimora, piuttosto che sulla nuda terra. Aggiunge infine di non aspettarsi nulla di buono dall'impresa.[2]

Alcuni giorni dopo il contingente arriva alla dimora di Craster, un bruto che Edd descrive come un despota che sposa le sue stesse figlie. Mentre lo scudiero si dedica alla pulizia degli zoccoli del cavallo del Lord Comandante, viene avvicinato da Jon Snow e gli riferisce che Mormont ha chiesto di essere raggiunto nella sala.[4] Più tardi, mentre sotto la pioggia battente sta dando da mangiare ai cavalli, viene raggiunto ancora da Jon, che gli riferisce la volontà del Lord Comandante Mormont di donare un'ascia a Craster. Edd esprime le proprie perplessità all'idea di rifornire di armi un Bruto, e quando Jon aggiunge che Craster ha chiesto anche del vino per celebrare la propria amicizia con la confraternita, Edd ipotizza forse proprio l'ubriachezza potrebbe rendere all'uomo più difficile l'impresa di aggredirli durante il sonno. Chiede poi al compagno se all'interno della dimora si possa dormire all'asciutto, e dopo averne ricevuto conferma decide di passare la notte lì, ma vicino all'uscita per essere più al sicuro dall'eventuale aggressione del padrone di casa.[4]

La mattina successiva è a colazione con Jon, Grenn e Dywen, a cui fornisce un tragicomico resoconto delle sue disavventure nella notte appena trascorsa, lamentandosi in particolare del forte russare dei confratelli e di un cane che gli ha orinato addosso.[4]

Alcuni giorni dopo, il gruppo guidato da Mormont giunge al Pugno dei Primi Uomini e si accampa in attesa di Qhorin il Monco.[5]

Dopo diversi giorni, finalmente un unico suono di corno annuncia l'arrivo di Qhorin e dei suoi uomini al Pugno dei Primi Uomini. Più tardi, mentre si trova nella tenda del Lord Comandante per preparare il cibo, Edd viene raggiunto da Qhorin e Jon. Dichiara loro il proprio desiderio di tuffarsi nella pentola bollente per sfuggire al freddo intenso del posto e racconta di come in passato un suo confratello sia morto annegando nel vino, che confessa con ironia di aver pure bevuto per consolarsi per la perdita. Più tardi aiuta quindi Jon a servire la cena ai due alti ufficiali. [4]

Famiglia e genealogia

Ha un fratello.[4]

Note