Jyck

Da La Barriera Wiki.
Jyck
R Vuoto.png
Dati personali
Morte298
Apparizioni
A Game of Thrones

Jyck è un soldato, servitore di Tyrion Lannister.[1]


Descrizione fisica

Durante il viaggio, indossa stivali di cuoio di prima qualità, morbido e ben ingrassato.[1]

Descrizione psicologica

È abile con la spada e temerario fino all'avventatezza.[1][2]

Resoconto biografico

Jyck e Morrec sono i due servitori che scortano Tyrion nel suo viaggio a Grande Inverno e poi fino alla Barriera.[3]

I tre ripartono dalla Barriera accompagnati da alcuni Guardiani della Notte tra cui Yoren e si fermano nuovamente a Grande Inverno, ma non si fermano a pernottare al castello.[4]

Di ritorno dal Nord, Jyck, Morrec, Tyrion e Yoren raggiungono la locanda di Masha Heddle, ma non trovano posto. Lì Tyrion viene tuttavia riconosciuto da lady Catelyn Stark, che invoca laiuto degli uomini fedeli ai Tully per arrestarli.[2]

Jyck reagisce cercando di estrarre subito la spada, ma Tyrion lo ferma, perché loro tre da soli non avrebbero potuto aprirsi la strada con le armi, quindi se si fossero opposti sarebbero andati incontro a morte certa. Jyck viene dunque disarmato da Bronn per ordine di Ser Rodrik Cassel.[1]

Dopo essere stati arrestati, vengono portati verso Nido dell'Aquila lungo la strada sulle Montagne della Luna. Lì, durante una sosta, Jyck si siede con espressione cupa e depressa accanto a Morrec sulla riva di un torrente, sotto la sorveglianza di Mohor.[1]

D'un tratto Lharys lancia un grido d'allarme, perché un gruppo di circa venti-venticinque uomini a cavallo appartenenti a un Clan delle montagne stanno piombando su di loro. Ritenendo che ci sia bisogno di tutte le spade, Catelyn ordina di armare anche lui, Tyrion e Morrec, e Ser Rodrik gli getta la sua spada chiusa nel fodero. Jyck salta in groppa a un cavallo senza sella e galoppa nel mezzo della mischia, riuscendo ad abbattere l'uomo che ha di fronte. Viene tuttavia colpito alla schiena da un altro uomo, che lo uccide sul colpo.[1]

Dopo la sua morte, le pantere ombra e altre bestie si contendono il suo corpo.[1]

Note