ACOK04

Da La Barriera Wiki.
ACOK04 - BRAN
Il regno dei lupi
(Mondadori)
POVBrandon Stark
AmbientazioneGrande Inverno
Serie TV02x01 Il Nord non dimentica
AGOT66
BRAN VII

ACOK03
TYRION I
ACOK04
BRAN I
ACOK05
ARYA II

ACOK16
BRAN II

ACOK04 è il quarto capitolo de A Clash of Kings e de Il regno dei lupi.

È il primo capitolo dedicato a Brandon Stark de Il regno dei lupi e de A Clash of Kings e l'ottavo de Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco.


Sinossi

Icona Citazione.pngStava muovendosi su quattro gambe, forti e veloci. Poteva sentire il terreno sotto i suoi piedi, il soffice scricchiolare delle foglie cadute, le radici spesse e le dure pietre, i profondi strati dell'humus.


Bran osserva Grande Inverno dalla finestra della sua camera, preferendo questa attività all'opprimente permanenza nel letto. Gli piace ascoltare gli ululati di Estate e Cagnaccio, molto frequenti dall'apparizione nel cielo della cometa rossa. Alle sue insistenti domande in merito il ragazzo ha ricevuto diverse spiegazioni. In particolare, la Vecchia Nan gli ha detto che la cometa indica il ritorno di draghi, per quanto l'ipotesi razionalmente più credibile sia quella avanzata da Septon Chayle, secondo il quale essa è un semplice segnale della fine dell'estate. Gli ululati dei metalupi generano lamentele da parte di tutti gli abitanti del castello, e Bran teme che possano essere un cattivo presagio vista la particolare sensibilità dimostrata dagli animali nel percepire le disgrazie che accadono nella sua famiglia. Il ragazzo ripensa poi con amarezza ai sogni che lo tormentano negli ultimi tempi, nei quali diventa lui stesso un lupo, capace di correre come nella realtà ormai non può più fare. A questo ricordo, Bran inizia ad ululare cercando di imitare i metalupi, che gli rispondono con nuovi versi.

Luwin accorre infastidito, rimproverando il ragazzo per aver provocato gli animali. Bran inizia a rivolgergli insistenti domande riguardo ai sogni, ma il maestro non è in grado di dargli risposte soddisfacenti e lo critica per il suo atteggiamento asociale verso Piccolo e Grande Walder, i due nuovi protetti giunti a Grande Inverno verso i quali Bran ha ben poca simpatia. Li ritiene infatti responsabili della prigionia di Estate e Cagnaccio, rinchiusi nel Parco degli Dei in seguito al morso subito da Piccolo Walder. Dopo essersi lamentato per il divieto di uscire a cavallo fuori dal castello, Bran riprende a ululare spingendo Luwin a uscire dalla stanza esasperato.

Rimasto solo il bambino ripensa al gioco del Lord del Guado proposto Piccolo Walder e Grande Walder al loro arrivo a Grande Inverno, nel corso del quale Bran si è sentito frustrato nell'osservare gli altri ragazzi lottare senza poter partecipare anche lui. Il gioco è degenerato con l'arrivo di Rickon e Cagnaccio, che ha aggredito Piccolo Walder dopo averlo visto colpire il proprio padrone. Da quel giorno però Rickon ha stretto amicizia con i due Frey, arrivando persino a portarli nelle cripte di Grande Inverno, cosa che Bran ritiene l'invasione di un luogo riservato ai soli Stark.

Quando Luwin torna nella stanza accompagnato da Osha, somministra al ragazzo una pozione che dovrebbe permettergli di dormire senza sognare. Prima che Bran chiuda gli occhi, la donna dei Bruti gli dice di non lottare contro i sogni di lupo, che ritiene potrebbero avere un'origine divina. Dopo essersi addormentato, a dispetto della pozione Bran entra di nuovo nei panni di Estate, che si aggira per il Parco degli Dei anelando la libertà.

Prime apparizioni

Testa di fieno

Paginazione


Per approfondire la paginazione di A Clash of Kings, vedi la voce dedicata