AGOT58

Da La Barriera Wiki.
AGOT58 - EDDARD
Il grande inverno
(Mondadori)
POVEddard Stark
AmbientazioneFortezza Rossa
Serie TV 01x08 - La guerra alle porte
01x09 - La confessione
FumettiAGOT - Uscita 18
AGOT49
EDDARD XIV

AGOT57
SANSA V
AGOT58
EDDARD XV
AGOT59
CATELYN IX

-

AGOT58 è il cinquantottesimo capitolo de A Game of Thrones e il ventitreesimo de Il grande inverno.

È il sesto capitolo dedicato a Sansa Stark de Il grande inverno e il quindicesimo de A Game of Thrones e de Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco.


Sinossi

Icona Citazione.png"Se lo facessi, Varys, la mia parola avrebbe il valore di un'armatura vuota. La vita non mi è preziosa fino a tal punto." "Peccato." L'eunuco si alzò. "E la vita di tua figlia, mio lord? Quella quanto ti è preziosa?"


Eddard è rinchiuso nella prigione sotterranea scavata nelle viscere della Fortezza Rossa, in una cella completamente buia e vuota ad eccezione della paglia sul pavimento. Soffre di un intenso dolore alla gamba rotta e non ha neppure un secchio dove fare i propri bisogni. Maledice tutti i responsabili della sua sorte, incluso l'intero Concilio Ristretto. Biasima anche sé stesso per il proprio comportamento ingenuo, costato la vita a tutti i suoi uomini, e ricorda con rammarico le parole di Cersei sulla pericolosità del gioco del trono. Di tanto in tanto, il carceriere viene a porgergli dell'acqua, ma si rifiuta di parlargli e di fornirgli notizie delle sue figlie. Eddard viene tormentato anche da ricordi del lontano passato: ripensa al Torneo di Harrenhal, in cui Jaime prestò il suo giuramento per entrare nella Guardia Reale e in cui Rhaegar Targaryen fu vincitore negli scontri con la lancia. In particolare, Eddard ricorda il momento in cui il giovane principe proclamò regina di bellezza sua sorella Lyanna e consegnò la corona di rose blu a lei invece che alla moglie Elia, suscitando lo scandalo dei presenti. Gli torna infine in mente la promessa che Lyanna gli ha strappato sul letto di morte.

Un giorno Varys viene a fargli visita con un nuovo travestimento. Dopo avergli offerto un otre di vino, gli racconta delle sue figlie: Arya è riuscita a fuggire dal castello, mentre Sansa è ancora promessa sposa di Joffrey. Gli rivela poi che Catelyn non tiene più Tyrion Lannister prigoniero, cosa che diminuisce notevolmente le speranze di Eddard di essere liberato. Quando Ned lo accusa di non aver fatto niente davanti al massacro dei suoi uomini, Varys gli spiega che l'eroismo non è tra le qualità richieste a una spia. Sostiene però di desiderare in cuor suo il bene del reame e la pace, e accusa Eddard di averla messa e repentaglio rivelando le sue intenzioni a Cersei: è stato infatti proprio questo gesto di misericordia a provocare la morte di Re Robert, che in realtà non è stata un incidente. Gli dice infine che la regina sarebbe disposta a concedergli la grazia e permettergli di entrare nei Guardiani della Notte, se solo Eddard confessasse pubblicamente di aver compiuto un tradimento e riconoscesse Joffrey come suo legittimo sovrano. Quando Lord Stark rifiuta, dando più valore che al suo onore alla sua vita, Varys gli fa notare che è in gioco anche la vita di sua figlia Sansa, ancora in mano ai Lannister. Per essere più persuasivo, gli fa un discorso su come siano sempre le creature più deboli e innocenti a pagare per le decisioni dei politici, come accadde tanti anni prima anche alla piccola Rhaenys Targaryen, uccisa dagli uomini dei Lannister.

Prime apparizioni

In questo capitolo non appare nessun nuovo personaggio.


Paginazione


Per approfondire la paginazione di A Game of Thrones, vedi la voce dedicata