ACOK41

Da La Barriera Wiki.
ACOK41 - TYRION
La regina dei draghi
(Mondadori)
POVTyrion Lannister
AmbientazioneApprodo del Re
Serie TV02x06 Vecchi e nuovi dei
ACOK36
TYRION VIII

ACOK40
DAENERYS III
ACOK41
TYRION IX
ACOK42
DAVOS II

ACOK44
TYRION X

ACOK41 il quarantunesimo capitolo de A Clash of Kings e il decimo de La regina dei draghi.

È il secondo capitolo dedicato a Tyrion Lannister de La regina dei draghi, il nono de A Clash of Kings e il diciottesimo Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco.


Sinossi

Icona Citazione.png"Odiano anche me?" "Chiedilo al tuo eunuco." "Lo chiedo a te". Gli occhi infossati di Bywater si fissarono in quelli asimmetrici di Tyrion, senza ammiccare. "Odiano te più di tutti gli altri, mio lord."


Tyrion Lannister è al porto di Approdo del Re per assistere, insieme al resto della famiglia, alla partenza per Dorne della Principessa Myrcella. Consapevole del rischio che la Freccia del Mare, su cui viaggia la bambina, venga intercettata da Stannis Baratheon, il Folletto ha preso numerose precauzioni, scegliendo le imbarcazioni più adatte a scortarla e mandando insieme a lei anche Ser Aerys Oakheart della Guardia Reale. Dopo aver ricevuto le benedizioni dell'Alto Septon, Myrcella salpa, mentre Tommen piange per l'allontanamento della sorella e viene deriso per questo da Joffrey. Nel frattempo Tyrion ripensa agli ultimi intrighi in città, richiamando alla mente le informazioni fornitegli dal cugino Lancel sul recente avvicinamento di sua sorella Cersei con i tre fratelli Kettleblack.

La comitiva, composta da membri della famiglia reale e cortigiani, ritorna quindi alla Fortezza Rossa, scortata dalle Cappe Dorate e dalla Guardia Reale, percorrendo le strade di Approdo del Re sotto gli sguardi sempre più ostili dei popolani ridotti alla fame. Ad un certo punto una donna si piazza di fronte al corteo mostrando a Joffrey il cadavere del suo bambino e inizia a insultare Cersei quando questa commenta la situazione con una frase di circostanza. A quel punto qualcuno getta dello sterco in faccia a Joffrey che, incurante dei tentativi di Sansa e Tyrion di trattenerlo, insiste affinché Sandor Clegane catturi il colpevole. Questo surriscalda ancora di più l'atmosfera, con la folla che inveisce contro il sovrano e pretende cibo, per poi scagliarsi sul corteo. Rendendosi conto della pericolosità della situazione, Tyrion e gli altri nobili spronano i loro cavalli in direzione del castello, ma alcuni di loro vengono trascinati a terra prima di riuscire a fuggire.

Una volta al sicuro nella Fortezza Rossa Tyrion aggredisce Joffrey, rimproverandolo per aver provocato la sommossa. Prendendo nota di coloro che sono rimasti indietro, ci si accorge quindi dell'assenza di Sansa. Il Folletto va su tutte le furie ed accusa di negligenza i cavalieri della Guardia Reale. Poco dopo però sopraggiunge Sandor Clegane, che porta la ragazza in salvo. All'improvviso viene segnalato un incendio nel Fondo dele Pulci e Tyrion, temendo che le fiamme raggiungano le ampolle di altofuoco, impartisce istruzioni per arginarlo. Poi, tornato alla Torre del Primo Cavaliere, manda Shagga alla magione di Shae per provvedere alla sua sicurezza.

Quella sera Ser Jacelyn Bywater stila a Tyrion la lista delle vittime illustri della sommossa, tra cui figurano l'Alto Septon, Ser Preston Greenfield e Ser Balon Swann. Inoltre Lollys Stokeworth è stata ripetutamente stuprata, mentre Tyrek Lannister risulta ancora disperso. Dopo essere stato incoraggiato a parlare con franchezza, Ser Jacelyn gli illustra inoltre la precaria situazione della Guardia Cittadina, che comprende molti membri inefficienti o inaffidabili, ammettendo di non essere sicuro di poter garantire ancora a lungo il controllo della città. Consapevole dell'ostilità che la popolazione nutre per i Lannister, Tyrion gli chiede delle voci che girano sul suo conto, scoprendo con grande sconcerto di essere il più odiato della sua famiglia.

Più tardi, quando il Folletto incontra Varys e Bronn, il mercenario allude a quanto sarebbe conveniente un'ascesa sul trono di Tommen. Di fronte alla prospettiva dell'uccisione di suo nipote Joffrey, Tyrion rabbrividisce e respinge apertamente l'idea.

Prime apparizioni

In questo capitolo non appare nessun nuovo personaggio.


Paginazione


Per approfondire la paginazione di A Clash of Kings, vedi la voce dedicata


  • Usa.png - A Clash of Kings, edizione hardcover, Bantam Spectra, ISBN 978-0-553-10803-3, 1999, pagg. 441-453
  • Uk.png - A Clash of Kings, edizione hardcover, Harper Collins, ISBN 978-0-00-224585-2, 1998, pagg. 430-441
  • Ger.png - Die Saat des goldenen Löwen, edizione paperback, Blanvalet, ISBN 978-3-442-24934-3, 2000, pagg. 180-199
  • Fra.png - L'Ombre maléfique, edizione paperback, J'ai Lu, ISBN 978-2-857-04638-7, 2000, pagg. 253-268
  • Ita.png - La regina dei draghi, edizione hardcover, Mondadori, ISBN 978-88-04-49656-4, 2001, pagg. 107-123
  • Esp.png - Choque de reyes, edizione paperback, Gigamesh, ISBN 978-84-93270-22-3, 2003, pagg. XXX